"Miracoli del sole", tra effetti ottici e effetti tecnici (Parte 2)

di Marco Corvaglia

 

Vai alla pagina: "Miracoli del sole", tra effetti ottici e effetti tecnici (Parte 1)


Foto e video

Riguardo alla seconda parte del filmato realizzato dai pellegrini al seguito di Paolo Brosio, quello che le persone ritengono essere una figura prodigiosa apparsa sull'iPhone è chiaramente un banale riverbero della luce solare.

A puro titolo d'esempio e di confronto, quella qui riprodotta è una normalissima foto del sole, con il classico riverbero, il "raggio" in alto, in tutto e per tutto simile a quello ottenuto dai pellegrini al seguito di Paolo Brosio.

E' evidente che nessuna persona non suggestionata potrebbe vedere alcunché di definito in forme di quel genere, come peraltro implicitamente ammette una delle ragazze presenti sul posto che, al minuto 3:49 del video, dice “Ognuno vede un po’ a modo suo, eh!.” 

 


Ma, per praticità, vediamo due fermo-immagine del video precedente, in cui si può osservare agevolmente quella che, nello stesso video, viene definita la Madonna "con questa mano che dice: Vieni da me".

 

 

 

Se "ognuno vede a modo suo", si tratta chiaramente di quel fenomeno, ben conosciuto, che risponde al nome di pareidolia e che fa sì che si vedano immagini compiute laddove vi è solo una forma casuale.

Un tipico esempio: ho personalmente trovato in vendita a Medjugorje questa cartolina, in cui si vedono le nuvole che avrebbero assunto la forma di Gesù in croce:
 

 

 

È pur vero che esistono dei filmati, girati a Medjugorje, che evidenziano delle pulsazioni spettacolari. In realtà, gli esempi di registrazione di un'apparente pulsazione solare, anche al di fuori di qualunque contesto religioso, sono innumerevoli, in video provenienti da tutto il mondo. Ne vedremo vari esempi in questa stessa pagina.

Questo video è stato girato nel 2007 da alcuni pellegrini italiani a Medjugorje:


 

 

Come si è potuto constatare, si sentono varie voci: tra queste una prima dice “Io con gli occhiali non vedo” ed un’altra esclama: “Il mio è fermo”, poi “Perché sul mio invece è fermo?”, e ancora “Perché invece sul mio non si vede?”.

Come mai uno dei ragazzi registra un sole “fermo”? Perché il fenomeno non è reale, evidentemente.

 

In proposito ho contattato, in data 19 marzo 2008, il prof. Piero Marietti, direttore del dipartimento di Ingegneria Elettronica dell'Università "La Sapienza" di Roma, il quale si è così espresso:

Un tale effetto può essere dovuto a un sacco di cause. Per dirimere le quali si deve conoscere il tipo e il funzionamento dettagliato della telecamera usata, se ha un diaframma automatico, per esempio.

Mi sono quindi personalmente messo al lavoro per ottenere una registrazione del sole pulsante con un cellulare. Dopo alcuni tentativi, il video seguente è stato da me eseguito, da casa mia, il 20 aprile 2008, alle 14:00 (ora solare) con un Nokia E65:

 

Ma vediamo una breve rassegna di filmati (tra i tanti che si possono trovare) che propongono, al di fuori di qualunque contesto religioso, apparenti pulsazioni solari (riguardo al punto nero al centro del sole, moltissimi apparecchi di ripresa presentano tale effetto, quando inquadrano una zona estesa e intensamente luminosa, che determina una sovraesposizione del sensore chiamato CCD [Charge-Couple Device]). Due video dall’Inghilterra:


Questo è stato girato nelle Filippine (viene spacciato come apparizione di un ufo):

 

 

 

 

APPENDICE

Banali trucchi fotografici presentati come miracoli...

 

 

 

Sul sito ufficiale di Radio Maria è possibile visualizzare (o scaricare) un file pdf in cui è presente questa foto, risalente alla seconda metà degli anni Ottanta, accompagnata dalle seguenti didascalie: "Foto di Vicka con l’immagine della Madonna" - "Foto scattata alla veggente Vicka mentre parla con due pellegrini. Alle sue spalle appare l’immagine della Madonna" .

 


L'immagine è riprodotta anche nell'edizione del 2005 del libro apologetico di Antonio Socci Mistero Medjugorje, edito da Piemme.

 


In realtà, la credenza, diffusa tra i pellegrini di Medjugorje, che apparizioni e fenomeni soprannaturali che non si rendono visibili nella realtà circostante possano essere invece immortalati nelle fotografie costituisce una rivisitazione delle “fotografie spiritiche”: trucchi fotografici inventati a metà del 1800, dallo statunitense William Mumler, ed utilizzati per ingannare i clienti dei medium. Furono riportati in voga dal movimento New Age (si veda anche la voce Spirit Photography nel New Age Spiritual Dictionary).
Col passare del tempo i sistemi si sono ovviamente adeguati ai mutamenti tecnici e tecnologici: tenendo conto del fatto che la foto in questione risale al 1988, possiamo dire tranquillamente che si tratta di un effetto conseguibile tramite la cosiddetta "doppia esposizione", che consiste nel fare due scatti sullo stesso fotogramma, uno dei quali su un’immaginetta raffigurante la Madonna.

Marco Corvaglia

Articolo pubblicato il 7 marzo 2008. Ultimo aggiornamento: 25 luglio 2018

 

Copyright © Marco Corvaglia. Riproduzione riservata

Ecco il link al video del servizio su Medjugorje (con la mia partecipazione) mandato in onda dalla trasmissione Le Iene su Italia 1 il 26 marzo 2021.