Mirjana, le apparizioni per il suo compleanno... e i maldestri tentativi di rimediare

di Marco Corvaglia

Mirjana Dragićević

 

 

Dal 1983, Mirjana asserisce di vedere la Madonna il 18 marzo, giorno del suo compleanno.

 


Incidentalmente, è il caso di ricordare che, nel 1987, erano iniziate per lei anche delle "apparizioni" supplementari, il 2 di ogni mese, ma il 18 marzo 2020 Mirjana ha asserito che la Madonna le ha detto che queste sono cessate.
In realtà, dato che le sue "apparizioni" si svolgevano in pubblico, in località Croce Blu, davanti ad una folla sterminata di fedeli, è difficile non sospettare che si sia trattato di una mossa tattica da parte di Mirjana. Infatti, alla fine di febbraio 2020, è stata pubblicata la Relazione finale della commissione pontificia d'inchiesta su Medjugorje, in cui si stigmatizzano i "molti indizi di protagonismi spirituali esibiti" [S. Gaeta, Dossier Medjugorje, San Paolo Edizioni, 2020, p. 82] da parte dei "veggenti" e si aggiunge: "Sembra opportuno chiedere ai presunti veggenti di vivere le asserite apparizioni in maniera non così pubblica come attualmente avviene […]" [ivi, p. 118].

 


Dicevamo quindi dell'apparizione annuale, in coincidenza con il suo compleanno. Il sospetto di autoesaltazione sarebbe d'obbligo. Tuttavia, a partire dai primi anni 2000, Mirjana ha iniziato ad affermare che si tratta solo di una coincidenza di date, legata all'avveramento dei segreti.

 


Ad esempio, l'8 agosto 2001 Mirjana è intervistata per Radio Maria da padre Livio Fanzaga:

 

Padre Livio: Il 18 marzo è il giorno del tuo compleanno. È per questo che la Madonna lo ha scelto?
Mirjana: Sai questa domanda non è molto bella e qualche volta mi fa arrabbiare il fatto che la gente pensi che la Madonna viene ogni 18 marzo perché è il mio compleanno. È terribile per me quando mi dicono: "Ecco la Madonna è venuta per il tuo compleanno". Ma la Madonna non mi ha mai detto "Buon compleanno". Quando incominceranno a realizzarsi molte cose, allora, si comprenderanno queste date che la Madonna ha dato, e il fatto che sia il mio compleanno non c'entra.
[Mirjana di Medjugorje, La Madonna prepara per il mondo un futuro di Pace. Intervista di padre Livio ai microfoni di Radio Maria, Shalom, 2002, p. 54]

 


Questa è diventata la "versione ufficiale" dei fatti. Nel 2011 Mirjana è intervistata dall'attivista di Medjugorje Paolo Brosio e ribadisce:

 

Brosio: ...Un altro mistero riguarda l'apparizione del 18 marzo che coincide con il tuo compleanno: perché in quel giorno?
Mirjana: Cominciamo prima dal 18 marzo. Di sicuro non perché è il mio compleanno. Durante l'apparizione del 18 marzo la Madonna non mi ha detto mai "buon compleanno", perché per Lei il mio compleanno è come il compleanno di tutti gli altri.
[Paolo Brosio, Viaggio a Medjugorje, Piemme, Milano, 2011, p. 163]

 


Tuttavia, precedentemente la sua versione dei fatti era completamente diversa.
 

Il 25 dicembre 1982 Mirjana ha la sua ultima apparizione quotidiana e dichiara che la Madonna le ha detto:

 

Ti apparirò il giorno del tuo compleanno e quando avrai difficoltà nella vita.
[René Laurentin, 
Messaggio e pedagogia di Maria a Medjugorje. Raccolta cronologica dei messaggi. Urgenza del ritorno a Dio, Queriniana, 1988, p. 174]

 


Già da queste parole è chiarissimo che si tratta di un privilegio personale: apparizioni il giorno del compleanno e quando avrà qualche problema.

 


Il 10 gennaio 1983, Mirjana, all'epoca diciottenne, viene intervistata a lungo da padre Tomislav Vlašić (l'intervista, registrata su nastro, fu pubblicata in due libri pro Medjugorje, scritti da noti religiosi: Svetozar Kraljević OFM, The Apparitions of Our Lady at Medjugorje, Franciscan Herald Press, Chicago, 1984, pp. 121-140, e Lucy Rooney SND, Robert Faricy SJ, Mary Queen of Peace, Alba House, New York, 1984, pp. 49-79; edizione italiana: L. Rooney, R. Faricy, Maria Regina della Pace, Ancora, Milano, 1984) [sottolineature mie]:

 

Mirjana: Il giorno di Natale [1982], la Madonna rimase con me quarantacinque minuti e parlammo di molte cose. Veramente di moltissime cose. Le feci richieste precise per alcune persone. Poi lei mi disse che mi avrebbe fatto un dono molto prezioso. Mi promise che mi sarebbe apparsa ad ogni mio compleanno, finché fossi vissuta. Indipendentemente dal segno e da qualsiasi altra cosa. Aggiunse anche che mi apparirà quando dovrò affrontare qualche situazione difficile, qualcosa di molto difficile, non le solite cose di tutti i giorni, ma qualcosa che mi ferisse molto duramente.
[L. Rooney, R. Faricy, 
Maria Regina della Pace, Ancora, Milano, 1984, pp. 67-68]

 

 

Mirjana: Ho chiesto alla Madonna perché aveva deciso di smettere di apparirmi. E lei mi ha spiegato che era stata tanto tempo con me e che ormai, avendo deciso di riprendere la scuola, dovevo imparare ad affrontare la vita senza il suo aiuto, il suo appoggio; che dovevo tenere presente di essere come tutti gli altri giovani, una ragazza come le altre; che dovevo saper affrontare la vita senza di lei, ma che lei, però, sarebbe sempre ritornata da me ad ogni mio compleanno. Mi ha anche suggerito di fare, prima di questa data, un elenco delle domande che mi piacerebbe sottoporle e di pensare a qualcosa che io desidero che lei esaudisca per me.
Tomislav: Tra le altre cose che hai elencato adesso, hai detto: "...avendo deciso di riprendere la scuola". Se tu, invece, avessi deciso di entrare in convento, pensi che la Madonna avrebbe continuato ad apparirti?
Mirjana: Credo di sì. Oppure no, non ne sono sicura. No, forse no! Lei mi ha detto che era già stata troppo con me, quindi voleva dire che non avrebbe assolutamente continuato ad apparirmi. Non aveva intenzione di prolungare, con me, queste apparizioni. Però, qualunque fosse stata la mia decisione, avrebbe mantenuto il suo dono per il mio compleanno. E questa è una cosa eccezionale per me, meravigliosa. La Madonna verrà da me ad ogni mio compleanno!
[Ivi, pp. 75-76]

 


La contraddizione con ciò che afferma oggi è già evidente.
Tuttavia, come abbiamo visto, Mirjana ora fornisce anche quella che, secondo la sua logica, è una "prova" del fatto che la Madonna non ha scelto quel giorno per farle un piacere personale: "Non mi ha mai detto: 'Buon compleanno' ".

 


Ebbene, il 18 marzo 1985 Mirjana compie vent'anni ed ha la sua apparizione a Sarajevo, alla presenza di vari fedeli.
Nella Cronaca delle apparizioni (una cui copia è conservata negli archivi della Curia di Mostar), compilata dal viceparroco di Medjugorje, Slavko Barbarić, in data 1 aprile 1985 leggiamo:

 

Insieme alla lettera di fra Petar Ljubičić ho ricevuto anche la lettera della veggente Mirjana Dragićević. Anzitutto si scusa di non aver risposto subito. Poi descrive la visione:
- 18 marzo, erano le 16,00. Hanno pregato 15 minuti, e lei è stata 15 minuti con loro. Ha salutato con „Sia lodato Gesù“ e le ha fatto gli auguri per il compleanno.
[Kronika ukazanja (Cronaca delle apparizioni), 1/4/1985.
Testo originale: U pismu fra Petra Ljubičića dobio sam i ja pismo od Mirjane Dragićević, vidjelice. Najprije se ispričava što nije odmah pisala. Zatim opisuje viđenje: - 18. III. bilo je u 16 sati. 15 minuta su molili, a 15 je bila s njima. Pozdravila sa „Hvaljen Isus“ i čestitala rođendan.]

 


Nel libro Abbandonatevi totalmente a me, i cui autori sono i padri Slavko Barbarić e Tomislav Vlašić, fu riportato, virgolettato, il testo di Mirjana:

 

Mirjana Dragicevic, che studia a Serajevo, ha avuto anche quest'anno, nel giorno del suo ventesimo compleanno, l'incontro con la Madonna. L'apparizione è durata 15 minuti. Ecco la descrizione di Mirjana di tutti e due gli incontri:

"Eravamo in tanti. Ci siamo recati ad attenderLa alle quattro del pomeriggio. Abbiamo pregato tutti per quindici minuti e quindici minuti era con noi. Mi ha salutato come sempre con il «Gesù sia lodato!» ed io ho risposto al saluto. Mi ha fatto gli auguri per il compleanno e poi abbiamo iniziato a dialogare."
[Tomislav Vlašić, Slavko Barbarić, Abbandonatevi totalmente a me, Amici di Medjugorje, Milano, 1985, p. 119]

 


Ogni commento è superfluo.

 

 

*****

 


D'altro canto, Vicka e Marija, che dicono di avere apparizioni quotidiane, continuano ad affermare che la Madonna fa loro le feste in occasione del compleanno. E' quindi inestricabile il groviglio di contraddizioni di Mirjana, sia con sé stessa che con gli altri "veggenti". Ciò non meraviglia nel momento in cui si accetti l'evidenza che si tratta, purtroppo, solo di loro invenzioni.

 


Vicka, intervistata da padre Livio Fanzaga il 3 agosto 1998, afferma:

 

Vicka: La Madonna, in occasione del suo compleanno, oppure del nostro, ci abbraccia e ci bacia.
[Vicka di Medjugorje, La Madonna è nostra madre. Intervista di Padre Livio ai microfoni di Radio Maria, Shalom, 2002, p. 82]

 


Quindi tocca a Marija:

 

Padre Livio: Ho sentito dire, non da te ma da Vicka, che nel giorno del compleanno o dell'onomastico addirittura vi scambiate un bacio.
Marija: Sì. Ci sono diverse occasioni.
[...]
Padre Livio: In quale occasione la Madonna vi abbraccia e vi bacia?
Marija: In occasione dei compleanni, degli onomastici...
Padre Livio: Vostri?
Marija: Sì, o anche, ad esempio, quando hai un momento un po' difficile.
[Marija di Medjugorje, La Madonna ci insegna a pregare. Intervista di Padre Livio ai microfoni di Radio Maria, Shalom, 2001, pp. 23-24]

Marco Corvaglia

Pubblicato il 4 gennaio 2012. Aggiornato il 18 marzo 2020

Copyright © Marco Corvaglia. Riproduzione riservata